Torna alla pagina iniziale Contatti

Investimenti immobiliari in Brasile

Questa pagina non è aggiornata con informazioni relative alla pandemia COVID-19

INFORMAZIONI  SUL VISTO E  INGRESSO DEI CITTADINI BRASILIANI IN ITALIA PER TURISMO E AFFARI  
I brasiliani che intendono recarsi in Italia e/o nello "Spazio Schengen" turismo, affari, competizioni sportive, inviti, missioni e studio. non hanno bisogno di visto di ingresso per un periodo fino a un massimo 90 giorni. Le condizioni essenziali per l’entrata in Italia sono:

1.   Essere in possesso di un passaporto brasiliano valido, la cui scadenza sia di almeno sei mesi posteriore al momento dell´entrata in Italia.

2. Avere disponibilità dei mezzi finanziari che possano garantire il proprio sostentamento durante il soggiorno previsto,  disponibilità di un alloggio e il biglietto aereo di ritorno o di uscita dal paese

 

 

Maggiori informazioni a questo link sul sito dell'ambasciata

Potrà essere richiesto di esibire, all’ingresso in Italia, la documentazione che giustifichi i motivi, la durata e le condizioni del soggiorno alle autorità di frontiera italiane. La disponibilità dei mezzi finanziari puó essere dimostrata mediante l’esibizione di denaro contante, di fideiussioni, carte di credito, di titoli prepagati o di atti comprovanti la disponibilità in Italia di fonti di reddito.

L’esistenza della disponibilità di un  alloggio idoneo  in Italia può essere dimostrata esibendo eventualmente la prenotazione dell´hotel dove egli alloggerà o tramite una dichiarazione o lettera di invito sottoscritta da un cittadino italiano (scarica qui un possibile modello *non ufficiale di lettera di invito da compilare) , con cui il dichiarante attesti la propria disponibilità ad offrire ospitalità e assistenza  in Italia, la lettera di invito deve essere accompagnata da una copia del documento di identità dell´invitante.

*non abbiamo trovato un modello ufficiale di lettera di invito al caso specifico, nemmeno sui siti istituzionali

altre informazioni sui visti a questo link

Aggiornato al  02/03/2018

Torna alla pagina iniziale